Feste e sagre in Sicilia

Il Duomo

Piazza Duomo, 1 - Enna (EN)

Il Duomo di Maria SS. della Visitazione è la Chiesa Madre di Enna; il 16 maggio del 2008 è stato dichiarato dall'Unesco “Monumento di pace” ed è tra le maggiori espressioni d'arte nella provincia di Enna. Il Duomo sorge nel centro storico della città vicino al Castello di Lombardia e si affaccia su Piazza Mazzini, della quale occupa interamente la fiancata nord. La cattedrale è stata eretta, nel 1307, sulle rovine del Tempio di Proserpina, per ordine di Eleonora d'Angiò, moglie di Federico III d'Aragona, per la nascita di loro figlio Pietro, ma nel 1446 un grave incendio la distrusse tutta tranne un abside e una parte del fianco destro, e nel 1447 Papa Eugenio IV indisse un Giubileo della durata di 7 anni per raccogliere i fondi necessari alla ricostruzione dell'importante edificio di culto. A causa dell'insufficienza di denaro raccolto, il re Alfonso d'Aragona vendette varie terre e con il ricavato, nel XVI secolo, riuscì a ricostruire la chiesa. Alla fine del 1574 fu ultimato dal noto capomastro della città di Messina, Jacopino Salemi, l’elegante portale di S.Martino, impreziosito da esili colonnine culminanti in originali capitelli, che si trova nella fiancata destra della Chiesa, dove in corrispondenza della navata trasversale, si apre la “Porta Santa”.
 
Il Duomo è formato da otto pilastri che sostengono il campanile; adiacente al muro nord della costruzione si trova uno spazio in cui anticamente sorgeva un cimitero e dietro le absidi si estende un piccolo giardino dove un tempo c’era la vecchia sacrestia gotica della quale rimangono oggi solo un arco ed una mensola. Notevole è la Porta del Giubileo (che ricorda il Giubileo indetto nel 1447 da Papa Eugenio IV), oggi murata, sul fianco destro, che rappresenta un ottimo esemplare di gotico siciliano, con 6 colonne a capitelli decorati e un bellissimo arco sovrastato dalla statua della Madonna con Gesù Bambino incorniciata da un arco a tutto sesto e fregi a zig-zag che si alternano a motivi di foglie. Altra porta laterale è la Porta Sottana, che data 1447, recante due coppie di colonne corinzie sormontate da un timpano di coronamento e un bellissimo bassorilievo marmoreo tardo-rinascimentale raffigurante “San Martino e il povero” che divide il suo mantello coi poveri.

Fonte / Autore: www.comune.enna.it


CONDIVIDI SU FacebookTwitterGoogle+

In primo piano


- Museo Archeologico Regionale di Aidone
- Palazzo dei Normanni Palermo
- Area Archeologica Selinunte
- Teatro Greco Romano di Taormina
- Duomo di San Giorgio Ragusa
- Parco Archeologico Valle dei Templi
- Duomo di Monreale
N.B. Siciliainfesta.com non in alcun modo responsabile per eventuali errori o omissioni contenuti nelle informazioni pubblicate
Sicilia in festa un progetto di IDGT e Francesco Grasso | Mappa | Termini di utilizzo | Cookie | Ricette siciliane | Partner | Newsletter