Feste e sagre in Sicilia

Castello di Donnafugata

LocalitÓ Donnafugata - Ragusa (RG)

A pochi chilometri da Ragusa a metà strada dei cinque "zucchi" che da Castiglione scende a Camarina, circondato da una ricca campagna fatta di carrubeti, masserie e ville ottocentesche, c'è il Castello di Donnafugata. Il nome non ha nulla a che fare con il suo apparente significato cioè "donna rapita", ma è probabilmente di origine araba Ayn as jafat che significa "fonte della salute" e in effetti esiste una sorgente nei pressi della stazione ferroviaria.
 
Il castello, in realtà una grande villa, fu ampliata e assunse la forma attuale ad opera del barone Corrado Arezzo De Spucches nei primi del '900. Esso occupa un'area di 2500 mq e si articola in 122 stanze. La facciata principale è ornata da una bellissima loggia in stile gotico-veneziano, otto balconi a sesto acuto danno accesso alla grande terrazza sottostante la loggia, delle belle bifore ingentiliscono le altre facciate. Fra le stanze più importanti ricordiamo il salone degli stemmi con le pareti ornate dagli stemmi delle più importanti famiglie siciliane, il salone degli specchi con ricchi tendaggi e mantovane che si alternano a degli specchi che rivestono tutte le pareti, la sala del biliardo, l'appartamento del Vescovo, la pinacoteca, la foresteria, la stanza della musica, il salotto dei fumatori, la biblioteca. Interessante notare il largo uso della pietra pece locale per la pavimentazione delle stanze. Il castello è circondato da un ampio parco di circa otto ettari che il barone Corrado Arezzo esperto botanico fece arredare con essenze da lui personalmente scelte. All'interno del parco diverse costruzioni, che servivano a rendere più piacevole il soggiorno degli ospiti del barone, fra cui la "coffee house", il tempietto, il labirinto, una grotta artificiale che riproduce un ambiente carsico e poi alcune vasche e disseminati parecchi vasi di Caltagirone. 

Il barone Corrado Arezzo de Spuches di Donnafugata con le sue forti influenze politiche riusci a far modificare il tracciato della ferrovia nel tratto Ragusa - Comiso in modo da farla passare nelle vicinanze del castello ed avere la propria stazione ferroviaria. Treni della rete tutt'oggi si fermano regolarmente alla stazione di Donnafugata che dista meno di 500m dal castello. Il tragitto in treno dalla stazione di Ragusa a Donnafugata è meno di 20 minuti.
Il castello è stato nel corso degli anni sede si diversi set cinematografici e televisivi. Ricordiamo alcune scene del film "Il Gattopardo" di Visconti, nella "stanza del biliardo" sono state girate alcune scene del film "I Viceré", mentre sulla terrazza del castello sono state girate varie scene della fiction "Il commissario Montalbano".
 
Orario visite:
Gli orari di apertura del Castello di Donnafugata sono stagionali. 
Mercoledì, Venerdì, Sabato ore 9.00 - 13.00
Martedì, Giovedì, Domenica ore 9.00 - 13.00  e 14.30 - 17.30
Lunedì: chiusura settimanale
Per aggiornamenti ed informazioni sugli orari di apertura telefonare al numero 0932.619333 (comune di Ragusa)

Fonte / Autore: www.comune.ragusa.gov.it


CONDIVIDI SU FacebookTwitterGoogle+

In primo piano


- Museo Archeologico Regionale di Aidone
- Palazzo dei Normanni Palermo
- Area Archeologica Selinunte
- Teatro Greco Romano di Taormina
- Duomo di San Giorgio Ragusa
- Parco Archeologico Valle dei Templi
- Duomo di Monreale
N.B. Siciliainfesta.com non Ŕ in alcun modo responsabile per eventuali errori o omissioni contenuti nelle informazioni pubblicate
Sicilia in festa Ŕ un progetto di IDGT e Francesco Grasso | Mappa | Termini di utilizzo | Cookie | Ricette siciliane | Partner | Newsletter

Questo sito contribuisce all'audience del Quotidiano di Sicilia