Feste e sagre in Sicilia

Carnevale di Gangi

Il martedi grasso - Gangi (PA)

Carnevale di Gangi a Gangi
A Cravaccata, il Carnevale di Gangi. Il martedì grasso a Gangi, in provincia di Palermo, si festeggia il Carnevale, con la tradizionale manifestazione A Cravaccata
 
L’origine della manifestazione coincide con quelle che si svilupparono in Europa nel XVIII sec., e l’originalità di quella gangitana ha fatto si che venisse inserita nel calendario delle manifestazioni nazionali. Consiste in una sfilata di cavalieri mascherati e carri allegorici che percorrono le vie del centro storico fino ad arrivare in Piazza del Popolo, dove ha luogo la premiazione dei vincitori. La giuria è costituita da rappresentanti dell’amministrazione comunale, della Pro-Loco e delle Associazioni operanti nel paese. La stessa si svolge il Martedì di Carnevale a conclusione di un’attività di carattere ricreativo che prevede in particolare il "Carnevale dei Bambini" serate danzanti che si svolgono a partire da Dicembre fino appunto a questa data.

'A CRAVACCATA
Nell'altra direttrice del nostro carnevale veniva privilegiata la sfera privata e personale, ma non per questo meno divertente. Con una tradizione che si perde veramente nella notte dei tempi, e senza che si abbia notizia che la stessa fosse presente presso altri paesi, a Gangi, nel periodo di carnevale, si festeggiano, in quelli che precedono il giovedì grasso, i giovedì degli amici, delle comari e dei compari. Essi consistono prima in un pranzo o in una cena organizzati da un gruppo di amici/che, e poi nel vestirsi in maschera tutti insieme e andare in giro per le strade del paese, recandosi “o' sunu a parti 'i casa”. In una società piuttosto rigida nei confronti della donna, questo costituiva un momento di grande libertà per le donne e, per certi versi, esso ha anticipato le riunioni che oggi le donne tengono in occasione della loro festa.
 
Lo scopo dei “giovedì” era ed è quello di rinsaldare un rapporto di amicizia. Alla fine della festa tutti i partecipanti sono formalmente vincolati nel rapporto di “amici”, o di cumpari, o di cummari, e il “tu” viene sostituito dal "voi", costituendo, spesso, un vincolo più forte rispetto anche a quello di parentela. Nel giovedì cumpari i partecipanti, naturalmente, saranno solo maschi, nel giovedì cummar”, viceversa, solo donne. Oggi, a differenza di qualche anno fa, i due sessi sono presenti in tutti e tre i giovedì.

Maggiori informazioni
www.comune.gangi.pa.it

Ultima modifica: 2018-09-19 17:39


CONDIVIDI SU FacebookTwitterGoogle+

Ricerca avanzata

In primo piano


- Pasta reale ricetta
N.B. Siciliainfesta.com non Ŕ in alcun modo responsabile per eventuali errori o omissioni contenuti nelle informazioni pubblicate
Sicilia in festa Ŕ un progetto di IDGT e Francesco Grasso | Mappa | Termini di utilizzo | Cookie | Ricette siciliane | Partner | Newsletter

Questo sito contribuisce all'audience del Quotidiano di Sicilia