Feste e sagre in Sicilia

Festa del SS. Crocifisso a Collesano

13 / 14 settembre - Collesano (PA)

Festa del SS. Crocifisso a Collesano a Collesano
Collesano (PA) i festeggiamenti in onore del “SS. Crocifisso” si svolgono nei giorni 13 e 14 settembre di ogni anno, a partire dal 1957. La manifestazione religiosa viene organizzata e curata dall’omonimo Comitato con la direzione del rettorato della Chiesa di S. Maria di Gesù e con il patrocinio del comune di Collesano. Il SS. Crocifisso (quello autentico) che viene oggi portato in processione, è una scultura lignea, realizzata intorno al 1635 da Fra’ Umile Pintorno da Petralia ed è ubicata nella cappella sinistra dell’unica navata della Chiesa di S. Maria di Gesù.
 
Questa immagine del “SS. Crocifisso” rappresenta una delle cinque straordinarie opere scultoree in Sicilia, scolpite da questo frate francescano, scultore. A dire il vero, esiste una riproduzione del “SS. Crocifisso” (che fino a qualche anno, per garantire l’opera d’arte dal degrado e dalle ingiurie del tempo, veniva portata in processione) attualmente, sistemata nella cappellina in fondo a destra, entrando dalla navata della chiesa. Nel 1898 la celebrazione della festa del SS. Crocifisso era stata fusa con quella di Maria SS. dei Miracoli nei giorni 25, 26 e 27 maggio e pertanto, l’immagine veniva ogni anno, trasportata alla Chiesa Madre. Agli inevitabili danni che la preziosa immagine poteva subire a causa dei continui trasporti e sistemazioni (nella vara e nella cappella), nel maggio del 1919, un perito d’arte della Regia Soprintendenza di Palermo, dopo uno scrupoloso controllo, su indicazione del rettore francescano della Chiesa, decretava che l’immagine non dovesse essere più rimossa dalla sua sede naturale e, cioè dalla Chiesa di S. Maria di Gesù.
 
Sin da quella data, si è sempre celebrata la solennità del simulacro nei giorni 13 e 14 settembre. Nel 1957 veniva incaricato lo scultore Luigi Maniscalco (residente ad Isnello), a riprodurre una copia del famoso Crocifisso di Frate Umile, l’opera ultimata il 12 aprile dello stesso anno, veniva consegnata ai fedeli (che avevano contribuito alle spese) e alla città di Collesano. Da allora il nuovo simulacro viene sempre venerato in processione. In preparazione della sfilata religiosa, il “SS. Crocifisso”, viene collocato su di una struttura metallica inclinata (circa 30°) della vara e sollevata da due grosse aste orizzontali in legno, caricata a spalle dai “portatori”. Il corteo dapprima percorre le strade periferiche vicine al complesso conventuale dei Frati Minori e poi, si interseca per le vie cittadine del centro, con un tragitto contrario a quello che si svolge durante i Festeggiamenti di Maria SS.ma dei Miracoli. Al seguito i presbiteri, le autorità politiche, civili e militari, il complesso bandistico cittadino, i devoti e il popolo. Procedono la processione i confrati delle Confraternite di Maria SS.ma dei Miracoli, del SS. Sacramento, di San Giuseppe, di Santa Maria, dell’Immacolata e della Società Cattolica di Sant’Antonio.
 
I festeggiamenti religiosi vedono una prima preparazione del settenario alla festa, la celebrazione eucaristica del 13 e quella solenne del 14 settembre, con “l’affidamento della città di Collesano”, letto dal Sindaco, al SS. Crocifisso (compatrono della città). La festa civile vede nei giorni 13 e 14, le tradizionali “Gare Canore” dei bambini e dei dilettanti per l’assegnazione del “Crocifisso d’oro”.
 
Per maggiori informazioni: www.comune.collesano.pa.it

Ultima modifica: 2016-07-07 08:09
Fonte / Autore: www.collesanocorreinrete.it


CONDIVIDI SU FacebookTwitterGoogle+

Ricerca avanzata

In primo piano


- Funghi Fest a Castelbuono
- Ottobrata a Zafferana
- Sagra della Castagna a Mezzojuso
- Sagra del Suino nero e del Fungo porcino dei Nebrodi a Cesarņ
N.B. Siciliainfesta.com non č in alcun modo responsabile per eventuali errori o omissioni contenuti nelle informazioni pubblicate
Sicilia in festa č un progetto di IDGT e Francesco Grasso | Mappa | Termini di utilizzo | Cookie | Ricette siciliane | Partner | Newsletter

Questo sito contribuisce all'audience del Quotidiano di Sicilia