Feste e sagre in Sicilia

Festa di San Giuseppe a Petralia Sottana

19 marzo - Petralia Sottana (PA)

Festa di San Giuseppe a Petralia Sottana a Petralia Sottana
Festeggiamenti in onore del patriarca San Giuseppe e I Virgineddi a Petralia Sottana (PA). Ritualità, devozione e tradizione. Come è noto in Sicilia le feste sono legate in modo indissolubile ai calendari agricoli e alle reminiscenze pagane propiziatorie. Tra le celebrazioni legati alla rinascita della natura e la riattivazione dei cicli agro-pastorali i riti legati a San Giuseppe sono tra i più sentiti. 
 
Come ogni anno Petralia Sottona celebra la festività di San Giuseppe con la processione per le vie del paese e i “Virgineddi”, i pranzi offerti per devozione o in cambio di una grazia che una volta erano preparati da numerose famiglie del paese e destinati alle fasce più deboli della popolazione. L’Amministrazione Comunale di Petralia Sottana, per perpetuare la tradizione e annoverarla tra i valori identitari della comunità petralese, ha recentemente inserito il menù di questo pranzo devozionale nel registro dei prodotti De.C.O. ed ha sostenuto l’iniziativa che verrà organizzata dalla locale S.O.M.S.

Il pranzo ha un menù molto particolare legato alla territorialità, alla storia, alla penitenza devozionale e all’aggregazione sociale. Una festività molto sentita anche perché il Santo Patriarca, venerato in tutte le comunità legate al ciclo produttivo della terra, era patrono di Petralia Sottana. Giorni prima iniziano i faticosi preparativi per la cottura delle pietanze tra cui la raccolta e la pulitura delle verdure; già questi semplici gesti sono intrisi di devozione, tenacia e senso del sacrifico, basti pensare la fatica che comportano queste azioni e la sofferenza fisica che si prova affrontando le acuminata spine dei cardi.

Il pranzo devozionale tradizionale prevede mezz’arancio, merce molto pregiata un tempo; minestra di “tagghiarini” con le lenticchie e le verdure selvatiche; il baccalà fritto, retaggio delle dominazioni normanne e scelta vincolata del periodo quaresimale; cardi e finocchi selvatici; le “sfingi” e u “panuzzu di San Giuseppi”. Durante il pasto, che viene consumato a turni e a “porte aperte”, vengono scandite preghiere e giaculatorie legate al culto del Santo che è “presente” grazie all’allestimento di un altare con la sua immagine decorato con drappi, aranci e pani votivi foggiati con figure che ricordano la vita del santo: “u vastuni, a varva e a scalidda”.

Una occasione da non perdere per sottolineare l’identità territoriale e la cultura della memoria propria di un territorio attraverso le tradizioni religiose e le celebrazioni del ciclo della rinascita attraverso la cultura gastronomica locale.
 
Per maggiori informazioni: http://www.comune.petraliasottana.pa.it

Ultima modifica: 2015-11-23 19:33
Fonte / Autore: Lucia Macaluso


CONDIVIDI SU FacebookTwitterGoogle+

Ricerca avanzata

In primo piano


- Pasta reale ricetta
N.B. Siciliainfesta.com non in alcun modo responsabile per eventuali errori o omissioni contenuti nelle informazioni pubblicate
Sicilia in festa un progetto di IDGT e Francesco Grasso | Mappa | Termini di utilizzo | Cookie | Ricette siciliane | Partner | Newsletter

Questo sito contribuisce all'audience del Quotidiano di Sicilia