Feste e sagre in Sicilia

Infiorata di Calatafimi Segesta

19 giugno / 04 settembre - Calatafimi (TP)

Infiorata di Calatafimi Segesta a Calatafimi
A Calatafimi Segesta, la tradizione del tappeto artistico in segatura colorata nasce negli anni cinquanta per volere di monsignor Diego Taranto e realizzati dal maestro Pino Ardito, tradizione che purtroppo venne abbandonata un paio di decenni dopo.

Nel 2007, sotto la direzione artistica di Elisa Maiorana, si è ripresa questa tradizione, quasi dimenticata e da allora, ogni anno, si da vita all'allestimento del tappeto artistico in segatura colorata, sale e sabbia bianca.

Dal 2012 la tradizione del tappeto artistico in segatura viene presa in mano dall'Associazione Culturale Calatafimi è... ma sempre sotto l'attenta e scrupolosa direzione di Elisa Maiorana, di cui fa parte.

Fino al 2016, ogni anno, per il giorno del Corpus Domini e nei 15 giorni a seguire, il tappeto dominava la navata centrale della Chiesa di San Michele con la sua maestosità (circa 6 x 9 metri). Ma dal 2017, la realizzazione del tappeto viene spostata nella vicina chiesa di San Giuliano per permette la visita dell'opera per un periodo di tempo più prolungato. Infatti ora la si può visitare fino ai primi di settembre. I tappeti di Calatafimi Segesta di forma, quasi sempre rettangolare, e oggi dalle misure di circa 5 x 8 metri, sono solitamente composti da una maestosa parte esterna con una o più cornici e dal centro che è un vero e proprio quadro ricco di soggetti e sfumature in cui vengono rappresentate immagini a tema Corpus Domini. Non vengono mai usate immagini stilizzate, soprattutto nel centro e ciò rende impossibile l'ausilio di pannelli di legno con cui si potrebbero creare gli stencil. Qui la segatura viene pazientemente posata a mano centimetro per centimetro e proprio per questo la sua realizzazione si prolunga per un periodo di circa 15 giorni o meglio sere. Infatti i componenti dell'associazione lavorano solo la sera (8:30-24:00 circa) fino all'ultimazione.

A Calatafimi Segesta, nella giornata del Corpus Domini, viene portato l'ostensorio in processione, dal parroco, seguito dal resto del clero, dall'amministrazione tutta e scontato dal Ceto della Maestranza, composta appunto da tutte le maestranze artigianali del paese, armati di fucile la banda musicale e infine la popolazione. Il ceto della Maestranza nasce nei secoli scorsi, come organizzazione di difesa della città e da qui il perché del fucile sotto braccio. Durante il tragitto i calatafimesi allestiscono vari altari davanti le proprie abitazioni, in ognuno dei quali, viene posto l'ostensorio. In quel momento, dal ceto della maestranza, si alza un urlo e viene eseguito un particolare rito che ormai si ripete nei secoli chiamato "presenza d'armi".

Durante la notte del Corpus Domini si possono anche ammirare le tradizionalivampariate” (tradizionali falò allestiti dai giovani).
 
Maggiori informazioni
Sito Comune di Calatafimi Segesta
Pagina facebook Infiorata di Calatafimi Segesta

Ultima modifica: 2022-07-13 21:46
Fonte / Autore: Associazione Culturale Calatafimi รจ...


CONDIVIDI SU FacebookTwitterGoogle+

Ricerca avanzata

In primo piano


- Pasta reale ricetta
N.B. Siciliainfesta.com non ่ in alcun modo responsabile per eventuali errori o omissioni contenuti nelle informazioni pubblicate
Sicilia in festa ่ un progetto di IDGT e Francesco Grasso | Mappa | Termini di utilizzo | Cookie | Ricette siciliane | Partner | Newsletter