Feste e sagre in Sicilia

Festa della Madonna degli Infermi a Raffadali

Seconda e terza domenica di luglio - Raffadali (AG)

Festa della Madonna degli Infermi a Raffadali a Raffadali
Festa in onore della Madonna degli Infermi, protettrice di Raffadali (Agrigento) la seconda e terza domenica di luglio, in in memoria di un evento prodigioso risalente alla fine del 500. Si narra che un albero scelto per la costruzione di una statua della Madonna fu trovato reciso con accanto uno zampillo d’acqua miracolosa. La festa prevede una processione in cui fedeli seguono la statua della Madonna a piedi scalzi. 

Durante la festa, dal sabato della seconda domenica di luglio fino alla domenica successiva, cioè la sua ottava, si svolge la Fera di li malatiAgli inizi del 500 si costituì la Confraternita della Madonna dei Malati e fu dipinto un grande quadro, in cui la vergine era raffigurata nell’atto di elargire conforti dal cielo agli infermi, che sulla terra la imploravano. Per un secolo quel quadro rimase sull’altare maggiore della vecchia chiesa S. Oliva, dove ogni sabato si cantavano le litanie mariane. Ogni qual volta tornava il flagello, la Madonna dei Malati era invocata da tutti. Era la Madre Comune, la salus populi, la protettrice del paese. Quando nell’ultimo scorcio del 500 i Montaperto, che avevano restaurato Raffadali, decisero di erigere una nuova chiesa, si pensò subito di dedicarla alla salus infirmorum e di costruirla spaziosa e imponente, di fronte al palazzo baronale, al centro del paese. Il maestoso tempio, a tre navate, presto elevato a dignità di Matrice, contrastava, però, con l’umile vecchio quadro. Occorreva una statua bellissima, con il manto azzurro e l’abito d’oro. E la statua fu realizzata da Nicola Buttafuoco nel 1585, ma solo in parte, perché per il resto, si fece da sé.
 
La Fera di li malati, otto giorni interi, ma un solo momento e quindi una sola fiera. I raffadalesi emigrati nelle Americhe o nei paesi europei, ne conservano gelosamente il ricordo e cercano di fare coincidere le loro ferie con i giorni della festa. Tutto si svolge, o si svolgeva, in riferimento alla fiera, dal semplice vestito da incignare alla fiera o all’appuntamento di matrimonio. E' usanza gustare, in tale occasione, il pezzetto, un gelato a forma di prisma di triangolo, e la cubbaita di mandorle o di pistacchio.
 
Per maggiori informazioni: www.comune.raffadali.ag.it

Ultima modifica: 2015-10-03 14:17


CONDIVIDI SU FacebookTwitterGoogle+

Ricerca avanzata

In primo piano


- Pasta reale ricetta
N.B. Siciliainfesta.com non in alcun modo responsabile per eventuali errori o omissioni contenuti nelle informazioni pubblicate
Sicilia in festa un progetto di IDGT e Francesco Grasso | Mappa | Termini di utilizzo | Cookie | Ricette siciliane | Partner | Newsletter

Questo sito contribuisce all'audience del Quotidiano di Sicilia