Feste e sagre in Sicilia

Sagra delle Frittole e del Maiale a Malvagna

01 / 02 dicembre - Malvagna (ME)

Sagra delle Frittole e del Maiale a Malvagna a Malvagna
Sagra delle Frittole e del Suino a Malvagna (ME) 1 e 2 dicembre 2018. Degustazioni di salumi, salsiccia, sughi e altre pietanze tipiche a base di suino. All'interno della manifestazione dimostrazioni artigianali, animazione e spettacoli.
 
La Sagra del Maiale è un evento che vi permetterà di riscoprire e degustare piatti tradizionali a base di suino e non solo. Troverete la fieramercato con prodotti alimentari tipici e lavorazioni artigianali, le strade del comune nella Valle dell'Alcantara saranno animati da artisti di strada, spettacoli itineranti e trekking urbano.
 
Riflessioni sull'insano gusto di riproporre le sagre del suino
A Malvagna, ogni anno, durante il primo fine settimana di dicembre si svolge la Sagra del suino, o meglio, la Sagra delle frittole e del suino. Da qualche anno la parola "frittole" è stata eliminata perché, non avendo un significato univoco, pare che negli scorsi anni abbia generato un po' di confusione.
 
L'evento, più che un invito a consumare carne di maiale, è la riproposizione di antiche pratiche culinarie che sarebbe bene riscoprire e divulgare. Anticamente, infatti, il consumo di carne era assai ridotto, come sarebbe il caso di fare in coscienza. Non esistevano le possibilità economiche per rimpinzarsi di carne ogni santo giorni così, nelle famiglie, si usava allevare polli e maiali. I primi servivano sia per le uova che come pasto domenicale. I maiali, invece, venivano sapientemente conservati e consumati nel corso di un anno intero.
 
Dell'animale veniva utilizzato proprio tutto: dalle cotenne e dalle parti più callose come orecchio, piede, muso, si preparavano le "frittole", dalla carne miscelata con grasso, sale e spezie si preparavano salsicce e sopressate che venivano essiccate; i "quasuni" (gambe di maiale disossate e riempite di carne sceltissima e cotti insieme ad alle frittole) invece, venivano conservati negli "zurruni" (contenitori in terracotta muniti di coperchio) ricoperti di "saimmi" (la sugna).
 
La sugna (il grasso stesso del maiale) oltre che per conservare la carne, veniva usata anche per friggere o nella preparazione dei dolci (ricordiamo che il burro è un alimento che non ci appartiene tradizionalmente parlando).
Alla fine della cottura delle frittole, tutti i "minuzzàgghi" di carne e resti di cotenne, venivano filtrati coi cola pasta e una volta freddi diventavano "zzirìnguri", da consumare a fettine sul pane, nelle gelide serate invernali, quando il fuoco era scarso e serviva grasso per affrontare l'inverno.
 
Maggiori informazioni
Pagina Facebook Sagra del suino di Malvagna
Comune di Malvagna
Pagina Facebook Comune di Malvagna

Ultima modifica: 2018-11-28 12:47
Fonte / Autore: Comune di Malvagna


CONDIVIDI SU FacebookTwitterGoogle+

Ricerca avanzata

In primo piano


- Pasta reale ricetta
N.B. Siciliainfesta.com non in alcun modo responsabile per eventuali errori o omissioni contenuti nelle informazioni pubblicate
Sicilia in festa un progetto di IDGT e Francesco Grasso | Mappa | Termini di utilizzo | Cookie | Ricette siciliane | Partner | Newsletter

Questo sito contribuisce all'audience del Quotidiano di Sicilia