Feste e sagre in Sicilia
A causa dell'emergenza Covid-19 sono sospese, su tutto il territorio nazionale, tutte le manifestazioni e le iniziative di qualsiasi natura.
Pertanto, gli eventi promossi sul sito sono da ritenersi annullati fino a quando il Governo non ritirerā i divieti. Date e programmi presenti negli articoli al momento non sono validi.

Informazioni su Cinisi (Palermo)

Situatao all'estremità del Golfo di Castellammare in una vallata solcata dal torrente Furi tra colline a sud e il mare a nord, sorge il paese di Cinisi. Diverse sono le tesi sostenute dagli storici sull'origine del nome, i sostenitori dell'origine araba ritengono che il nome di Cinisi è legato alla presenza di un casale musulmano in una contrada monatana: Castellaccio. Tra il XIV e il XVII secolo furono costruite, lungo la costa, delle basi di avvistamento (dette Torri) che servivano per la difesa e il controllo del territorio. Sul territorio di Cinisi ne esistono tre: Torre Pozzillo, Torre dell'Orsa e Torre Molinazzo. Presso la torre dell'Orsa, in seguito, fu edificata una Tonnara, per lungo tempo gestita direttamente dai monaci benedettini. Nella seconda metà del XIII sec. Cinisi diede i natali a Giovanni Meli, famoso poeta dialettale che scrisse molte opere riguardanti il paese dell'epoca, ricco di mandorli, carrube, limoni, fichi, frassini, sommacco.

Il paese presenta vie larghe e regolari confluenti verso l'imponente complesso residenziale dei monaci benedettini costruito nel 1617. Il nucleo abitativo, tuttavia, si aggrega verso la fine del 1600, quando sorge la Chiesa di Santa Fara, protettrice dei cinisensi. Nel 1700 venne costruito il santuario della Madonna del Furi, meta di pellegrinaggi. Tra le chiese, l'ottocentesca chiesa del SS. Sacramento da ricordare perchè comprende delle cripte sotterranee e la piccola e suggestiva chiesa delle Anime Sante, costruita nel 1827 ma che conserva l'altare ligneo e due pregevoli grandi tele attribuite alla scuola dello Zoppo di Gangi, la Natività e lo Sposalizio di Santa Caterina, risalenti alla fine del seicento, che originariamente si trovavano nella chiesa di Santa Caterina del Monastero benedettino, oggi aula del Consiglio comunale.
 
Prodotti tipici del territorioRazza Bovina Cinisara. La Vacca di Cinisi è nera, molto grossa e facilmente riconoscibile dalle sue corna lunga. Il suo nome deriva dal territorio d’origine, Cinisi appunto, anche se in realtà è diffusa fino a Trapani e Ragusa. Secondo altre ipotesi, invece, si chiama così per “ginisi”, che in arabo indica un tipo di carbone prodotto sui monti di Palermo. La Cinisara è una razza estremamente rustica, in grado di pascolare nei territori più impervi, nutrendosi delle antiche erbe selvatiche e autoctone, quelle che si trovano solo sulle montagne intorno a Cinisi: le stesse che daranno al latte caratteristiche uniche. Caciocavallo di Vacca Cinisara prodotto nei comuni di Godrano, Cinisi, in provincia di Palermo, fino alla fascia costiera collinare nord occidentale della provincia di Trapani, si fa a ogni mungitura, cagliando il latte crudo in una tina di legno.
 
Festa della patrona Santa Fara giugno-luglio
 
Sito Comune di Cinisi

» Da visitare a Cinisi

» Alberghi a Cinisi
» B&b a Cinisi
» Campeggi a Cinisi
» Agriturismo a Cinisi

» Sagre, feste e altri eventi a Cinisi
Presepe Artistico semovente a Cinisi - Natale a Cinisi, appuntamento immancabile la visita al Presepe "in movimento" più bello della Sicilia Occidentale, realizzato da Giacomo e Lorenzo Randazzo.01 dicembre / 26 gennaio
Cinisi (PA)


Ricerca avanzata

In primo piano


- Pasta reale ricetta
N.B. Siciliainfesta.com non č in alcun modo responsabile per eventuali errori o omissioni contenuti nelle informazioni pubblicate
Sicilia in festa č un progetto di IDGT e Francesco Grasso | Mappa | Termini di utilizzo | Cookie | Ricette siciliane | Partner | Newsletter