Feste e sagre in Sicilia

Festa di San Filippo D'Agira a Mongiuffi Melia

Seconda domenica di agosto - Mongiuffi Melia (ME)

Festa di San Filippo D'Agira a Mongiuffi Melia a Mongiuffi Melia
A Mongiuffi Melia (ME) festeggiamenti in onore di San Filippo d'Agira, il 12 maggio e la seconda domenica di agosto con la caratterisica Trasuta di San Fulippu.
 
I festeggiamenti del mese di agosto in onore di San Filippo d'Agira hanno inizio il sabato sera con la traslazione dell'immagine del Santo dal Santuario Madonna della Libera alla Chiesa Madre di San Nicolò di Bari nel centro abitato di Melia. In serata presso il parco Urbano tradizionale degustazione gratuita di prodotti tipici locali.

La domenica mattina solenne processione per le vie del paese, nel pomeriggio partenza del Santo per Contrada Mongilone, Volo e Placi, rientro in serata con la caratteristica Trasuta del Santo in via Grottonello a Melia e degustazioni di prodotti tipici locali nelle varie stazioni lungo le vie del paese. Conclusione dei festeggiamenti con il rientro della Statua del Santo nella Chiesa di San Sebastiano e tradizionale distribuzione dei garofani.
 
San Filippo Siriaco o d'Agira (80-20 a.C. ca.). Sono diverse le fonti che ne attestano la provenienza dalla Siria e secondo la teoria più attendibile dovrebbe essere nato nella città di Cesaréa Marittima, oggi sita nella moderna Repubblica di Israele. Circa l'anno della nascita esistono due diverse tesi: secondo alcune fonti sarebbe nato nel 21 d.C., secondo altre nel 40 d.C. Il padre e la madre convertitisi al Cristianesimo lo educarono secondo i principi di tale religione, così San Filippo poté crescere e rafforzare la sua fede in Cristo. Giunto nella capitale dell'Impero, San Filippo fu accolto da San Pietro che lo ordinò sacerdote e gli conferì l'incarico di andare in Sicilia per predicare il Verbo di Dio. La missione evangelica di San Filippo ha inizio nei primi mesi del 66 d.C., anno in cui giunse a Punta Faro (Messina), dopo aver toccato alcune località della Calabria. In quel tempo la Sicilia era sotto la dominazione dei Romani di religione pagana e proprio presso questo piccolo villaggio del Faro inizia l'opera di conversione del Santo che con i suoi miracoli promosse la fede nell'unico Dio.

Il suo pellegrinaggio lo spinge verso i campi e le colline, attraversò i Monti Peloritani, sostò e predicò il vangelo anche nelle vicinanze delle odierne Alì, Mandanici e San Filippo a confine del Comune di Furci Siculo fino a raggiungere la foce del Torrente Agrò. Prosegui il viaggio dirigendosi verso la collina, dove oggi si trovano i paesi di Limina Roccafiorita e Mongiuffi Melia. Giunse sulla costa, superò Taormina, arrivo a Calatabiano e successivamente a Castiglione e Randazzo. Dopo aver aggirato l'Etna, giunse ad Agira, località infestata dal demonio. San Filippo schiacciò il maligno dalla città e gli abitanti per gratitudine presero ad adorare il Santo convertendosi al Cristianesimo. Successivamente evangelizzò anche Nicosia, Piazza Armerina e Aidone e la notizia dei suoi miracoli e prodigi attirò da ogni parte della Sicilia una moltitudine di persone che speravano di essere guarite dalle malattie e liberate dal demonio. Ad Agira (Enna) San Filippo morì nell'anno 103 d.C.

Per maggiori informazioni: www.comune.mongiuffimelia.me.it

Ultima modifica: 2015-05-27 12:56
Fonte / Autore: Cosimo Barra


CONDIVIDI SU FacebookTwitterGoogle+

Ricerca avanzata

In primo piano


- Pasta reale ricetta
N.B. Siciliainfesta.com non in alcun modo responsabile per eventuali errori o omissioni contenuti nelle informazioni pubblicate
Sicilia in festa un progetto di IDGT e Francesco Grasso | Mappa | Termini di utilizzo | Cookie | Ricette siciliane | Partner | Newsletter

Questo sito contribuisce all'audience del Quotidiano di Sicilia