Feste e sagre in Sicilia

Festa di San Giuseppe a Marettimo

17 / 19 marzo - Marettimo (TP)

Festa di San Giuseppe a Marettimo a Marettimo
La Festa di San Giuseppe è una delle celebrazioni più sentite nella località di Marettimo (TP). Celebrazioni in onore del santo patrono hanno inizio con una novena e l'immagine del santo viene incorniciata presso gli “Altari” che le famiglie allestiscono nelle proprie case. Oltre all'immagine del santo e della sacra famiglia vengono esposti oggetti simbolici come tre arance, i “cucciddrati” (di pane), i “panuzzi”, ceri accesi, vasi colmi di barcu, la violacciocca sinuata che fiorisce a Marettimo in questo periodo.

L’atmosfera di festa è già viva il giorno della vigilia per l’alza bandiera con l’effigie di San Giuseppe e l’arrivo della banda musicale, che attraversa le vie del paese a raccogliere fondi per un particolare rito. La sera, infatti, tutta la popolazione assiste al rito della “Duminiara”. Si fanno ardere tre cumuli di fascine di legna composte da arbusti raccolti sull’isola e fatti essiccare per qualche giorno; i mazzi, legati con il liamo di disa (Ampelodesmos), sono di stinco (lentisco), alencio (erica), ruseddru (cisto) e rosmarino. I tre fuochi rappresentano la Sacra Famiglia; per tradizione, nel fuoco centrale si bruciavano le vecchie barche al grido di “Evviva u Patriarca di San Gnuseppe”, seguito da un corale “Vivaaa”.
 
Il 19 marzo giorno della festa ha inizio con il suono della banda musicale. Nella piazza principale del paese si allestisce un palco, addobbato con ramoscelli di murtiddra raccolti il giorno prima, il mirto che alla fine della cerimonia adornerà i campiuna delle barche. Dopo il rito religioso, celebrato solitamente dal vescovo della diocesi di Trapani, su una tavola imbandita si svolgerà il tradizionale pranzo detto Ammitata di Santi. I santi sono tre persone del paese che raffigureranno Maria, Gesù e Giuseppe, un tempo scelti fra i più bisognosi dell’isola o tra chi aveva fatto un voto a San Giuseppe. Ancora in alcune famiglie vi è l’usanza d’ammitare i santi organizzando un lauto banchetto nella propria casa, anche in periodi lontani dalla ricorrenza del 19 marzo. Prima però si è già svolto il rito dell’Alloggiate, sicuramente il momento più  commovente e più sentito dell’intera manifestazione, poiché rievoca la fuga in  Egitto della Sacra Famiglia in cerca di ospitalità.

I tre pellegrini si avviano a bussare simbolicamente il portone chiuso della chiesa accompagnati da un coro di donne che intonano la seguente nenia: “Alloggiate, alloggiate i tre poveri pellegrini. Alloggiate, alloggiate sono stanchi i meschini. Oh che pena, che dolore…”. Per due volte il portone della chiesa verrà sbattuto in faccia ai tre Santi con un secco: “Un c’è posto”. Finalmente al terzo tentativo, alla domanda “Cu è?”, alla risposta “Gesù, Maria e Giuseppe” le porte si spalancano. Le campane suonano a festa e la folla, che aveva ascoltato tutto in religioso silenzio, esulta al grido di “Evviva u Patriarca di San Gnuseppe”.

La musica della banda accompagnerà poi il rito del sacro pranzo, abbondante di pietanze e di
dolci offerti dalle famiglie, “a divuzione”. Ecco i dolci che alla fine del rito verranno distribuiti a tutti i presenti: pignolo a base di farina e miele; petra mennula, torrone duro di mandorle e zucchero; cubbàita di giuggiulena, torrone di sesamo; cassateddre di ricotta e tanti dolci tipici siciliani

Nel pomeriggio la statua del santo viene portata in processione e portata casa per casa. Il giorno successivo vengono organizzati giochi come “Pignateddi”, “iocu antinna”, tiro alla fune; e nel pomeriggio si svolge la processione di San Francesco di Paola “U Santu Patri” patrono di tutta la gente di mare che chiude i tre giorni di festa.
 
19 Marzo
Ore 10,00 - Santa Messa
Ore 11,00 - Tradizionale rito dell’ALLOGGIATE e Pranzo in Piazza offerto alla Sacra Famiglia
Ore 16,15 - Rito della consegna della chiave da parte del sindaco delle Egadi.
Processione delle Statue raffiguranti San Giuseppe e San Francesco di Paola “Santu Patri”.

Ultima modifica: 2015-11-18 14:12
Fonte / Autore: Associazione C.S.R.T. “Marettimo”


CONDIVIDI SU FacebookTwitterGoogle+

Ricerca avanzata

In primo piano


- Pasta reale ricetta
N.B. Siciliainfesta.com non è in alcun modo responsabile per eventuali errori o omissioni contenuti nelle informazioni pubblicate
Sicilia in festa è un progetto di IDGT e Francesco Grasso | Mappa | Termini di utilizzo | Cookie | Ricette siciliane | Partner | Newsletter

Questo sito contribuisce all'audience del Quotidiano di Sicilia