Feste e sagre in Sicilia
Questo sito contribuisce all'audience di QdS.it

Informazioni su Butera (Caltanissetta)

Butera sorge su di una collina a 402 m. s.l.m. Dista dal Capoluogo. Le limpide acque di Marina di Butera, sulla costa mediterranea, si affacciano su una vasta spiaggia di sabbia finissima. I litorali di Tenutella, Desusino e Falconara sono meta di turisti e villeggianti dei paesi limitrofi. Questa città ha origini molto remote, risalenti addirittura alla prima metà dell'era del bronzo (200 a.C.). Si dice che fu edificata da Bute, primo Re dei Siculi, il quale avrebbe dato alla città il suo nome. La storia di Butera si perde nella notte dei tempi e non vi è storico che abbia potuto trovare prove tangibili delle sue origini fino alle dominazioni a noi conosciute. La città castello (Butera) nel V sec. d.C. accolse i profughi delle campagne e città vicine che erano perseguitati dai Vandali condotti dal feroce Genserico. Al tempo dei Saraceni fu una munitissima roccaforte inespugnabile. Il dominio saraceno durò dall'854 al 1089 anno in cui il gran conte Ruggero s'impadronì di Butera. A Ruggero II successe Guglielmo I detto "il Malo" che la distrusse. Tempo dopo Butera venne ricostruita col suo castello dal Re Guglielmo il Buono. La successione della Famiglia Lanza alla Famiglia Branciforte nel Principato di Butera, segue l'ultima fase e la più recente della serie dei feudatari.

Il Castello di Falconara sulla costa; il Castello Arabo-Normanno, risalente all'XI secolo che domina sul centro storico. Nel corso dei secoli ha ricevuto diversi ritocchi, come evidenziato dal torrione e dalle finestre a bifora. Ancora oggi è in ottimo stato di conservazione, dopo i lavori di restauro eseguiti nell'ultimo decennio; la Necropoli di Piano della Fiera, in uso fino al VI secolo a.C. e alla fase ellenistica, le sue origini risalgono all'età preistorica; la Chiesa Madre, dedicata a San Tommaso: sita in piazza Duomo, eretta nel XVI secolo, custodisce sull'altare maggiore la Madonna degli Angeli di Filippo Paladino, la Chiesa di San Rocco, eretta nel 1700, ad unica navata, custodisce la statua del Santo, patrono della città; la Chiesa Maria SS. delle Grazie

Festa del patrono San Rocco 16 agosto

www.comunedibutera.it


» Da visitare a Butera

» Alberghi a Butera
» B&b a Butera
» Campeggi a Butera
» Agriturismo a Butera

» Sagre, feste e altri eventi a Butera
Pasqua a Butera - La domenica delle Palme la festa di "Santu Sarbaturi" ossia del Cristo Salvatore, che rievoca in modo suggestivo l'ingresso di Gesù in Gerusalemme. Il Venerdì santo "U Cataletto", processione.26 marzo / 01 aprile
Butera (CL)
Festa della Madonna delle Grazie a Butera - E' grande la devozione dei buteresi alla B.V. Maria, venerata sotto il titolo di Madre delle Grazie. Una chiesa quattrocentesca ne porta il titolo e custodisce la pregevole effigie. 23 giugno / 02 luglio
Butera (CL)
Festa Patronale di San Rocco a Butera - A Butera, antico centro di rilevante importanza strategica le cui origini si perdono nella preistoria, il culto per il santo pellegrino venne introdotto dai principi Branciforti nel 1683.06 / 23 agosto
Butera (CL)
Butera a Tavola - Le vie di Butera e l'ammirazione delle risorse storico-ambientali faranno da cornice alla rassegna enogastronomica dei prodotti tipici del territorio.data non confermata
Butera (CL)


Ricerca avanzata

In primo piano


- Pasta reale ricetta
N.B. Siciliainfesta.com non č in alcun modo responsabile per eventuali errori o omissioni contenuti nelle informazioni pubblicate
Sicilia in festa č un progetto di IDGT e Francesco Grasso | Mappa | Termini di utilizzo | Cookie | Ricette siciliane | Partner | Newsletter